Croazia in testa al girone: 2-0 alla Nigeria

giugno 16, 2018

La Croazia sfrutta subito il passo falso pomeridiano dell’Argentina contro l’Islanda per piazzarsi al comando del Girone D: all’undici di Zlatko Dalic, possibile sorpresa del torneo per la qualità in rosa di numerosi talenti conosciuti dal grande calcio internazionale, bastano nell’occasione un’autorete ed un rigore per imporsi sulle “aquile verdi” di Gernot Rohr, mattatrici delle qualificazioni africane al torneo e caratterizzate dall’età media più bassa del Mondiale con 25 anni e 336 giorni nel giorno di apertura della rassegna. Impressionante in particolare la dotazione tecnica degli slavi a centrocampo, dove la cerniera mediana Modric-Rakitic, baluardi rispettivamente di Real Madrid e Barcellona, sostiene la batteria di insidiosi trequartisti offensivi composta dall’interista Perisic, Kramaric e Rebic, ex Fiorentina, alle spalle dell’unica punta Mandzukic, attaccante in forza alla Juventus. Nigeria dal canto suo forte dell’esperienza europea di Moses e Obi Michel in un centrocampo a sostegno dell’unica punta molto mobile Ighalo, ex Watford (di proprietà della famiglia Pozzo, come l’Udinese).

Dopo mezz’ora di ritmi bassi e uno sterile possesso palla per lo più nigeriano, in cui illumina la scena solo qualche guizzo dell’ispirato Kramaric, la Croazia si porta in vantaggio sugli sviluppi di un corner: dopo una prima deviazione aerea di Rebic, Mandzukic incorna in tuffo colpendo indirizzando fortuitamente sugli stinchi di Etebo, che trafigge così il proprio stesso portiere Uzoho. La prima frazione si chiude senza ulteriori acuti, escludendo un’incornata aerea di Kramaric su traversone teso di Rakitic.

Nigeria impotente anche nella seconda frazione: mai impegnato Subasic, che deve al massimo controllare un tiro sull’esterno della rete di Moses su pregevole iniziativa personale dalla destra. Al 25′ il raddoppio di Modric su rigore, causato sin troppo ingenuamente dall’evidente cintura di Ekong su Mandzukic. Dopo la girandola di cambi, qualche altro sprazzo croato nel finale potrebbe ulteriormente incrementare il bottino, comunque al sicuro a causa della pochezza nigeriana. Esordio senza patemi dunque per la Croazia, che si prende un primato già pesante ai fini degli sviluppi della fase eliminatoria.

Il tabellino

Marcatori: pt 32′ aut. Etebo; st 25′ Modric rig.
Croazia (4-2-3-1):
Subasic 6; Vrsaljko 6, Vida 6.5, Lovren 7, Strinic 6; Modric 7, Rakitic 7; Perisic 6.5, Kramaric 6.5 (15′ st Brozovic 6), Rebic 6.5 (29′ st Kovacic ng); Manduzkic 7.5 (40′ st Pjaca ng). Commissario tecnico: Dalic 6.5
Nigeria (4-2-3-1): Uzoho 6; Shehu 4.5, Trost Ekong 5.5, Balogun 5.5, Idowu 5.5; Ndidi 5.5, Etebo 5; Moses 6, Obi Mikel 5 (43′ st Simy ng), Iwobi 5.5 (16′ st Musa 6); Ighalo 5.5 (28′ st Iheanacho 6.5). Commissario tecnico: Rohr 5.
Arbitro: Meira Ricci (Bra) 6.5.
Note: ammoniti Rakitic, Brozovic e Ekong

Mario Agostino


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *